Strategie di Link Building (seconda parte)

Continua il nostro viaggio (“Strategie di Link Building – prima parte“) nelle migliori strategie di link building per accrescere la popolarità e la visibilità di un sito.

link building

COMUNICATI STAMPA – Esistono siti che raccolgono e pubblicano comunicati stampa ricevuti dagli utenti registrati. Alcuni sono a pagamento, altri gratuiti.

DIRECTORY AZIENDE – Le liste di aziende e società ospitano anche i link di siti che non hanno una vera e propria ragione sociale.

WEB CAM DIRECTORY – Attivando una webcam è facile ottenere dei link di qualità. Non è necessario che la webcam punti sul Colosseo o sulla torre Eiffel, vanno benissimo anche viste di strade comuni, meglio se trafficate.

DIRECTORY DI LOGO – Inserendo il proprio logo in una di queste directory si ottengono spesso link di qualità. Potete provare TheLogoMix.

DIRECTORY DI RSS – Se si dispone di un feed RSS, è possibile sottoporlo a qualche directory RSS. Ne esistono a centinaia.

DIRECTORY A PAGAMENTO – Alcune directory sono a pagamento ma è detto che per questo offrano dei link di qualità. Alcune di esse non valgono il denaro che chiedono per l’iscrizione.

BLOG OSPITI – In rete esistono blog che ospitano articoli di blogger esterni, per avere materiale nuovo e interessante da offrire ai lettori. Scrivendo un articolo contente qualche link attinente, lo si può proporre a qualcuno di questi siti, ottenendo un vantaggio reciproco.

STRUMENTI WEB – Creando e condividendo strumenti web, come per esempio una calcolatrice, è un modo fantastico per ottenere link distribuiti in una miriade di siti, tanto maggiori quanto più utile è lo strumento creato.

COMMENTI SUI BLOG – Inserendo commenti su blog rilevanti o su blog dofollow consente di raccogliere link, anche se non è la strategia più efficace. Certamente consente di instaurare buone relazioni con il proprietario del sito e con i suoi visitatori.

FORUM – Postando nei forum attinenti al proprio sito si ottengono relazioni con persone del settore d’interesse e in alcuni casi dei buoni link.

SITI NO-PROFIT – Alcuni enti di beneficenza e organizzazioni no-profit hanno siti che ospitano link in cambio di offerte e donazioni. Di solito le cifre richieste sono molto contenute (non superiori ai 50 euro).

ab4web © riproduzione riservata

Lascia un commento